giovedì 27 marzo 2014

Coppe di Pandoro e mascarpone con pere caramellate

Pubblicato in Doctor Wine n°33
http://www.doctorwine.it/det_articolo.php?id_articolo=1041

di Katiuscia Rotoloni 21-12-2013
Ingredienti per 6 persone:
- Un pezzo di pandoro di circa 200 gr.
Per la crema:
- 250 gr mascarpone
- 100 gr zucchero
- 3 uova
- Un pizzico di sale
Per la bagna:
- 100 ml rum
- 150 ml acqua
- 40 gr zucchero
- 1 scorzetta di limone
- 1 e ½ pera Kaiser
- 6 foglioline di menta
- 50 gr cioccolato fondente 
Procedimento:
Tagliare il pandoro a fette di circa 1 cm di spessore.
Dividere i tuorli dagli albumi. In una ciotola, mettere metà dello zucchero nei tuorli e montarli con una frusta. Aggiungervi il mascarpone e continuare a battere fino a che la crema prenda una certa consistenza.
Montare gli albumi a neve con l’altra metà dello zucchero e un pizzico di sale. Unirli delicatamente alla crema di mascarpone e mettere in frigo.
Per la bagna: mettere un pentolino sul fuoco con l’acqua, la scorzetta di limone e lo zucchero per preparare uno sciroppo. Lasciarlo freddare, quindi unirvi il Rum.
Sbucciare le pere, dividerle in quarti e togliere il torsolo. Dividere ciascun quarto in tre fette longitudinali e farle caramellare disponendole delicatamente su una padella antiaderente ben calda, spolverizzate di poco zucchero a velo.
Mettere sul fondo di ogni coppa uno strato di pandoro, bagnare con lo sciroppo al rum e ricoprire di crema. Fare un secondo strato e lasciare freddare.
Sciogliere il cioccolato e decorare la superficie con una griglia o secondo fantasia personale.
Porre delicatamente tre fette di pera caramellata aperte a ventaglio su un lato di ciascuna coppa e decorare con una fogliolina di menta per un tocco di colore.

Vino in abbinamento:

Recioto di Gambellara Docg Spumante Zonin



Delicatamente dolce, con giusta fragranza, fruttato, rotondo e leggero.
Zona di produzione: Gambellara (Vicenza)
Uva: garganega 100%
Vinificazione e affinamento: Dopo la cernita e la vendemmia manuale, i grappoli vengono sistemati in locali appositi, aerati e secchi, per l’appassimento. Processo che serve ad innalzare il tenore zuccherino delle uve. L’appassimento dura un paio di mesi circa, trascorsi i quali si procede alla pigiatura e alla fermentazione, che avviene a temperatura controllata a 18° C. La fermentazione lenta favorisce l’affermazione di aromi freschi e fruttati che si sposano felicemente con gli altri aromi sviluppatisi durante l’appassimento creando un insieme di rara eleganza.
Gradazione alcolica: 11% in volume
Temperatura di servizio: tra i 7° e i 9° C.

QUESTA RICETTA E' OFFERTA DA ZONIN