martedì 18 febbraio 2014

BIGNE’ FRITTI ALLA CREMA

Il nome bignè deriva dal francese beignet ed indica un contenitore di impasto reso cavo e leggero con la cottura, in forno o fritto, da riempire con creme varie, dolci, ma anche salate.
Il bignè fritto in molte regioni è un tipico dolce di carnevale, ma a Roma si prepara soprattutto in occasione di San Giuseppe, nel giorno che precede l’equinozio di primavera e in cui si festeggiano i papà.
Nella città eterna il giorno del Santo “frittellaro” è sempre stato accompagnato da grandi festeggiamenti, dove  lungo le strade si affollavano i banchi dei friggitori di frittelle e bignè, che la gente consumava in abbondanza.

Ma non perdiamo altro tempo e prepariamone in quantità, seguendo la salutare prescrizione dei  frittellari, che recitava:
 "E chi vuol bene mantenersi sano / di frittelle mantenga il ventre pieno" 


Ingredienti per 50 bignè medi:

Per la pate a choux:
200 ml acqua
100 gr burro a pezzi
80 gr farina 00 debole
50 gr amido mais
4 uova medie
Un pizzico sale




Per la crema:
500 ml latte intero
8 tuorli d’uovo
1 uovo intero
20 gr farina 00
20 gr amido di mais
120 gr zucchero
1 pizzico sale
½ stecca di vaniglia

Preparare subito la crema pasticcera in modo che si freddi: Mettere sul fuoco il latte con la vaniglia per portarlo quasi a bollore.
Nel frattempo, sbattere le uova con lo zucchero ed un pizzico di sale in una terrina. Aggiungere le farine e mescolare bene. Versare tutto nel latte ben caldo e cuocere, mescolando continuamente finchè sarà densa. Far freddare coprendo con una pellicola a contatto, per evitare che si ispessisca la superficie.
Far sciogliere in una casseruola il burro con l’acqua e un pizzico di sale.
Unire le farine setacciate in un solo colpo e mescolare con un cucchiaio di legno finchè l’impasto si staccherà dai bordi (2-3 minuti circa).Togliere dal fuoco e lasciar intiepidire. Sbattere le uova in una fondina ed incorporarle al composto tiepido, poco per volta facendole assorbire; la consistenza finale deve essere simile ad una crema pasticcera.
Mettere sul fuoco una casseruola con abbondante olio di arachidi, sufficiente a far galleggiare i bignè senza toccare il fondo. Quando sarà ben caldo, farci scivolare delicatamente l'impasto a cucchiaiate con l’aiuto di un altro cucchiaio. Far attenzione a mettere poche cucchiaiate d'impasto per volta in modo che ci sia spazio per gonfiarsi.
Lasciar cuocere a fuoco lento, lasciando che si girino nell’olio, fin quando saranno ben gonfi e dorati.
Farli asciugare su carta assorbente e continuare con altri cucchiai fino ad esaurimento dell’impasto.
Mettere la crema in una sacca o in una siringa da pasticcere con una bocchetta a punta e riempire con generosità i bignè.

Spolverizzare con zucchero a velo e…

...cominciamo pure la “terapia”!!!